Epifanie e flashback

Voglio strafare, questa volta voglio proprio strafare e me le servono tutte su un piatto d’argento.
Se mercoledì ho avuto due ore intense in biblioteca finite con una chiusura forzata a tempo record, più tre episodi di Scorpion che mi hanno scombussolato brutalmente il cervello, se ieri sono andata a buttarmi in mezzo ai mezzi (pf!) pubblici di Torino per farci l’abitutine – ma piuttosto ho fatto brutte figure – e ho cercato di mantenermi lucida nonostante le numerose epifanie che mi coglievano all’improvviso, oggi sto dando il massimo continuando a delirare perché non riesco a trovare il modo di “avere” gli episodi di Scorpion che mi mancano (eh sì, mi ci appassiono e scopro che è finita, vorrei solo piangere) e nel mentre di tutto queston farfugliare di eventi, mi arriva anche un’inaspettata notizia: tu che hai faticato dei mesi per dimenticarti un’individuo, ora ti ritrovi un messaggio del suo migliore amico che ti invita a fargli un video di auguri. E ti sale la bestemmia in un nanosecondo.

A parte che mi chiedo quale pezzo di storia si sia perso per venirmi a chiedere una cosa del genere, in secondo luogo mi sto anche mandando a quel paese perché una piccola parte idiota di me fa ancora la paladina della giustizia e spera di piallare la situazione fino a farla tornare normale. Ma qui di normale non ci siamo nè io nè lui nè niente, così, senza virgole. Già mi son dovuta tenere le mani in tasca e cancellare il foglio con la mia magnifica idea per il suo compleanno, così, per fare pace, magari funziona. E poi “no, Jess, non funzionerà mai e quindi dimenticatelo”. Invece ora che non ci stavo pensando più spunta fuori questo tizio e a me cadono le braccia. Pum! Per terra.

Flashback ed epifanie, mescolati ad assurdi lampi di genio fallimentari al 100% mi condurranno alla pazzia. Aggiungiamo che nel mentre tento di seguire un gioco di draghi (per cellulare) sul computer e di fare i test per l’università, e potrete facilmente capire il mio stato di degrado. Ma veniamo al grosso dei problemi, quello più spinoso di tutti e che fa tanto ragazzina appena uscita dalle medie, sì, perché non è la prima volta che succede…

Un telefilm ha di nuovo preso possesso di me. E quindi tenetevi pronti a sentirmi svarionare da un momento all’altro.
Partiamo da questo:E voi direte: “Beh?”. Io vi dico solo che la scienza è la vostra passione, e la fantasia il vostro pane quotidiano, buttatevi pure sul divano con il computer in braccio e guardatevi un episodio. Io ho visto gli ultimi nove. Fatemi un applauso perché queste cose son da record.
Ora vi illumino leggermente di più.

Ora vi starete chiedendo a chi ho puntato gli occhi addosso commentando su per giù che non c’è molta scelta, e che forse tra secchioni e nerd c’è una certa sintonia per cui “Dio chi sa che faccia avrà quella che sta scrivendo”. Beh su non penso sia difficile. Se buttate un occhio al centro vedete due tizi e siccome stiamo cercando un uomo direi che non restano da farsi domande.
Ok, abbiamo visto di meglio tutti quanti. Ma aspettate di vedere come recita… Eh porca miseria, apre bocca e colpisce dritto in quel posto del cervello in cui galleggiano residui di tavole periodiche, fondamenti di fisica, formule matematiche. Paf! Colpito e affondato e io sono bell’e andata.

E poi, non per esaltarmi, ma… potrete forse dirmi che ho dei gusti strani, ma ho pur sempre gli stessi gusti di questa qui:

… No, non era per esaltarmi…

Epifanie e flashbackultima modifica: 2015-08-28T14:54:35+02:00da jessytherebel
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento